Veterinari


Esiste l'aggressività materna negli animali?

Gli allevatori di cani e di gatti sanno molto bene che esistono dei casi, per fortuna non molto comuni, in cui gli animali possono abbandonare le loro cucciolate o addirittura diventare aggressivi nei confronti dei loro piccoli. Gli esseri umani sono tendenti a considerare questo comportamento come un atteggiamento contro natura, ma purtroppo in molti casi, per l’animale, esistono situazioni specifiche che in qualche modo giustificano il suo comportamento.

Cani e gatti possono abbandonare la loro prole ed essere aggressivi con i loro cuccioli nel caso in cui la gravidanza sia stata inferiore al tempo previsto (quindi, se i cuccioli sono nati in maniera prematura), se è stato effettuato il parto cesareo, se i cuccioli presentano delle anomalie, o ancora, per problemi comportamentali dovuti ad una sensazione di disagio.

Sono tante le situazioni di gatte che abbandonano i loro gattini dopo che questi sono stati toccati dall’essere umano, in quanto non riescono a riconoscere più il loro odore e quindi non li riconoscono più come figli: per questo motivo gli allevatori più esperti sanno bene che non è consigliato tenere per troppo tempo in braccio i piccoli o manipolarli eccessivamente, perché soprattutto nei primi giorni conseguenti al parto, mamma e cuccioli hanno un estremo bisogno del contatto.