Veterinari


Il trasportino: nemico o amico dei nostri animali?

Il trasportino è un mezzo utile per trasportare i nostri amati animali: in commercio ne esistono di diversi tipi, dai trasportini rigidi a quelli morbidi, da quelli grandi a quelli piccoli, da quelli in plastica a quelli in metallo, da quelli colorati a quelli neutri. Se abbiamo un gatto oppure un animale di piccola taglia che necessita di essere trasportato – dal veterinario, per esempio, ma anche durante i nostri viaggi in auto, in macchina, in treno – è necessario che il nostro animale venga tutelato e accudito all’interno di questo contenitore. Per la maggior parte delle volte però, il trasportino fa paura: da amico diventa nemico, e non sono rari quei casi in cui soprattutto i gatti facciano mille storie prima di accettare di entrare in un trasportino, spesso soffiando o ringhiando e difendendosi a tutti i costi da quel “mostro” con le grate.

A soffrirne di meno sono i criceti e i conigli: per loro è naturale rimanere chiusi all’interno di un ambiente definito e dai confini precisi, e per questo motivo per loro è alquanto normale essere spostati all’interno di un trasportino. Insomma, il trasportino è un amico oppure un nemico? È decisamente un amico per chi deve trasportare un animale, perché in questo modo di riesce a tenere l’animale al coperto, al chiuso ed al riparo da eventuali attacchi nemici; diventa un nemico però per l’animale stesso, ma soprattutto per i gatti, che sono di natura indipendenti e poco avvezzi alle regole, e potrebbero avere delle brutte reazioni di fronte ad un contenitore con le grate.