Veterinari


Gli animali possono soffrire di depressione?

Si parla molto spesso di pet therapy e della capacità degli animali di essere di aiuto a molte persone per superare problemi psicologici come ansia e depressione, e per affrontare meglio le disabilità. Spesso si sostiene che il cane è il migliore amico dell’uomo anche perché li aiuta ad affrontare meglio la vita ed i suoi pericoli; allo stesso modo, si dice che il gatto aiuta a rallentare i battiti cardiaci solo grazie alle sue fusa. Insomma, gli animali sono davvero dotati di un grande potere per aiutare gli uomini ad affrontare le loro paure e sembra che avere un animale in casa contribuisca ad abbassare i pericoli di malattie cardiovascolari.

Ma gli animali, possono soffrire di depressione? È la domanda che molti ricercatori scientifici si sono posti analizzando i problemi comportamentali degli animali, in particolare dei cani. La risposta è sì: gli animali possono soffrire di depressione, di problemi collegati alla solitudine forzata in cui spesso versano a causa di padroni scostanti o che spesso stanno fuori casa per troppe ore.

Sembra che a soffrirne di più siano i cani: i gatti, infatti, sono per natura molto più indipendenti dei cani e questo li metterebbe al riparo dal pericolo di soffrire di problemi di depressione, anche se non è una regola. Come ovviare a questo problema? La prevenzione è l’arma più efficace: per fare in modo che il proprio animale sia felice e sereno, occorre essere disposti a dedicargli del tempo, per giocare, per accarezzarlo, e per la sua cura e toelettatura.