Veterinari


I gatti e l'importanza del gioco

Un problema molto comune che i proprietari di gatti lamentano è l’indifferenza che molti felini adulti hanno di fronte al gioco. I gatti, infatti, amano dormire per moltissime ore, soprattutto durante il giorno, e a parte qualche minuto di coccole e carezze o i tempi dedicati alla soddisfazione delle loro esigenze (il cibo, i bisognini), il loro sport preferito sembra proprio quello di rimanere sul divano a dormicchiare. Il gioco, però, è molto importante per un gatto, specialmente per quei mici che non escono di casa e che passano quindi tutto il loro tempo tra le mura domestiche.

Il gioco è fondamentale sia perché in questo modo i gatti tengono allenato il loro corpo – spesso appesantito dalla sterilizzazione o dalla vita sedentaria dei gatti da appartamento – sia perché senza le distrazioni, il gioco ed il movimento, essi potrebbero annoiarsi e prendere di mira i nostri tanto amati sofà, grattandoli con le loro unghiette. Ma come convincere un gatto a giocare?

È davvero necessario spendere tanti soldi in giochini a lui dedicati? In linea di massima la risposta è no: infatti, molti proprietari di gatti ammettono che i loro mici appaiono totalmente disinteressati ai giochini che vengono loro donati, salvo particolari eccezioni. Per far giocare un gatto ed invogliarlo a riprendere consapevolezza del suo istinto di caccia, è sufficiente dargli una scatola di cartone, una busta di carta, oppure una pallina di carta stagnola: state certi che solo con questi semplici oggetti casalinghi, che tutti abbiamo a disposizione, un gatto è capace di giocare addirittura per ore.

Una cosa fondamentale, però, è non lasciare il gatto troppo tempo da solo: se proprio non avete il tempo per giocare con lui, se non avete tempo da dedicargli perché lavorate per tutto il giorno e la sera siete naturalmente sfiniti, perché non pensare ad una compagnia per il vostro micio?