Veterinari


Alimentazione nei canarini: i grani di salute

Una corretta alimentazione per i canarini prevede l’uso di diversi grani, come la scagliola, il ravizzone, la colza, il papavero blu, la canapa, il cardo, la piantaggine, l’avena pelata, che possono essere lunghi, oleosi oppure farinosi e che vanno somministrati a propria discrezione ma naturalmente rispettando le caratteristiche nutrizionali di ogni elemento.

Tra i più importanti, sono da menzionare i cosiddetti grani di salute: si tratta di un alimento composto dal miscuglio di diversi grani, chiari e scuri, che sono molto appetibili per i canarini e che rappresentano un nutrimento molto goloso per essi.

I grani di salute, però, non sono solo importanti in quanto golosi e particolarmente richiesti dai canarini, ma anche perché contengono delle proprietà nutritive importanti e, nel particolare, aiutano i canarini a depurare il loro corpo: sarebbe quindi auspicabile far abituare gli uccelli sin da piccoli a questa somministrazione. Alle miscele di grani di salute, inoltre, si può aggiungere, nel periodo invernale, il lardo grasso e fresco: questo alimento garantisce ai canarini un maggior apporto di calorie che gli permettono di superare al meglio l’inverno.

Le miscele adatte sono sostanzialmente due: una, detta miscela di base, contiene due parti di scagliola, una parte di colza nera, una parte di ravizzone dolce; l’altra, detta miscela secondaria – che deve essere somministrata in minore quantità, ovvero un cucchiaino da caffè al giorno – contiene tre parti di avena pelata, una parte di canapa, tre parti di grani di lino, tre parti di niger, tre parti di grani di lattuga, tre parti di papavero blu e una parte di piantaggine.