Veterinari


Gatti: perché scegliere un Bombay

Nato negli anni ’50 ad opera di una allevatrice americana, il Bombay è un particolare gatto nero, dal pelo molto lucido, la testa rotonda e gli occhi color rame: il suo corpo è molto muscoloso e robusto, allungato e sostenuto da zampe molto agili, con i cuscinetti neri.

La sua caratteristica principale è la particolare propensione alla vita d’appartamento: non a caso, infatti, viene considerato come una razza d’appartamento, adatta alle famiglie ed alle persone che non dispongono di giardino o spazi aperti.

Si tratta di un gatto facilmente adattabile, che però non disdegna il gioco e la vivacità nei momenti giusti: nonostante sia, infatti, un gatto prevalentemente tranquillo, che non ama i rumori troppo forti ed il baccano, è comunque un felino che ha innate le caratteristiche di vivacità e curiosità tipiche di ogni gatto. Ama giocare, correre e camminare liberamente per la casa, ma non ama i rumori troppo forti o improvvisi: è bene, quindi, che sia scelto da persone abitudinarie, che non stravolgerebbero il suo carattere e la sua innata tranquillità. È un gatto affettuoso ed amabile, che dona manifestazioni di affetto molto forti e ne richiede altrettante: per questo motivo, è bene che venga adottato solo da persone che hanno un’infinita pazienza e che possono passare molto tempo in casa, perché il micio non soffra troppo la solitudine.

Poiché è stato selezionato appositamente per vivere in appartamento, sarebbe meglio che rimanga a vivere in una casa tranquilla, esclusivamente tra le pareti domestiche. Non necessita di particolari cure, se non una spazzolata frequente per mantenere il suo mantello vivo e lucido.