Veterinari


Animali: riconoscere la dermatite allergica da pulce

Molto spesso notiamo che i nostri amici a quattro zampe presentano dei sintomi o delle problematiche che tendiamo a prendere sottogamba o che non sappiamo riconoscere: nel primo caso, la conseguenza di una nostra negligenza può essere molto pericolosa per la loro salute, mentre nel secondo caso, non saper riconoscere una malattia o semplicemente i sintomi iniziali di una patologia significa non poter intervenire tempestivamente, portandosi spesso dietro patologie che potrebbero essere curate e debellate molto facilmente.

Queste patologie, spesso nemmeno molto gravi, causano non solo fastidio fisico ma anche nervosismo e disturbi comportamentali che potrebbero essere risolti con la prevenzione ed un comportamento più attento nei confronti del nostro amico a quattro zampe.

È questo il caso della dermatite allergica da pulce: essa si presenta con un fortissimo prurito che coinvolge il dorso, le cosce, la groppa e l’addome, ed è spesso associata ad arrossamenti che spingono l’animale a leccarsi e grattarsi in maniera piuttosto compulsiva. Questa problematica è causata da una reazione allergica che si presenta in seguito al morso della pulce, e può essere associata anche ad altre malattie allergiche.

La dermatite allergica da pulce – anche detta DAP – può essere prevenuta attraverso un uso abituale di antiparassitari, soprattutto nel caso di animali allergici ed ancora di più nel caso di animali che tendono a condurre parte della giornata all’esterno. Il veterinario di propria fiducia potrà dare il suo contributo più completo ed aiutarvi a scegliere l’antiparassitario più utile al vostro caso e per la protezione del vostro animale.