Veterinari


Criceti: la sistemazione

Quando adottiamo un criceto tendiamo – erroneamente – a pensare che questo animaletto necessiti solo di cibo e acqua e che non abbia bisogno di altre attenzioni. In realtà, spesso è proprio questa negligenza ma principalmente l’ignoranza ad essa legata che ci fa commettere degli importanti errori di valutazione: i criceti generalmente vengono acquistati per far contento un piccolo membro della famiglia, e a parte casi di reale passione verso questi animali, la tendenza comune è quella di lasciare il criceto abbandonato a sé.

Quando acquistiamo un criceto dobbiamo quindi prima di tutto mettere in conto l’importanza della sistemazione della gabbietta: ricordiamo che la gabbietta rappresenta per il piccolo roditore la sua casa, e che quindi, come tale, essa va sistemata in un luogo sicuro, lontano da correnti d’aria, dal troppo calore ed anche dal caos. Sbagliato quindi sistemare la gabbietta del criceto in un luogo troppo “di passaggio”, sotto la luce diretta o correnti d’aria: meglio mettere il cricetino in un luogo riparato, dove sia tuttavia facile per l’uomo dare un’occhiata ogni tanto.

Se in casa abbiamo altri animali – ad esempio gatti, che potrebbero essere particolarmente interessati al roditore – è meglio tenere la gabbietta lontana dalla loro portata, per lasciare il più possibile sereno il criceto e lontano da eventuali pericoli.

All’interno della gabbietta si possono posizionare una bottiglietta d’acqua potabile attaccata alle sbarre – nei negozi di animali ne vendono di diverse tipologie – una ciotola per il cibo, una cassettina per dormire e si può riempire il fondo della gabbietta con trucioli e segatura per i suoi bisogni.