Veterinari


Come eliminare le tracce di pipì del gatto dai tessuti

Chi possiede un gatto sa benissimo che può capitare che il micio urini sul letto, sul divano o sul tappeto: si tratta di un comportamento spesso dovuto all’esigenza del micio di marcare il suo territorio, mentre altre volte questo comportamento può avere dei significati diversi, come un dispettuccio o anche il voler far sapere che qualcosa non va.

Al di là delle motivazioni che possono far scaturire un comportamento simile – e che possono essere eliminate in quasi tutti i casi – in questo articolo vogliamo dare qualche consiglio su come eliminare definitivamente le tracce di urina ed il cattivo odore dai tessuti.

Se per i pavimenti può essere più semplice, per i tessuti la situazione si fa più complicata perché essi possono assorbire quasi completamente l’odore e questo può essere un problema: la prima cosa da fare è quindi eliminare le tracce visibili di urina aiutandosi con della carta assorbente, carta di giornale oppure carta da cucina. Il liquido va asportato il più possibile in maniera da evitare che possa essere assorbito ulteriormente dal tessuto e rendere quindi impossibile l’operazione di pulizia.

Se il tessuto è bianco e non troppo delicato, l’ideale può essere quello di passare un po’ di cotone imbevuto in candeggina pura e lasciare agire per qualche minuto, e poi risciacquare con acqua calda. Nel caso in cui si tratti di tessuti più delicati o difficili, si può utilizzare una miscela di bicarbonato, aceto e detersivo per piatti sulla macchia, poi passare una spazzola per far assorbire la miscela e successivamente risciacquare. A questo punto, il tessuto dovrebbe essere libero da macchie e cattivi odori!