Veterinari


Perché sterilizzare un cane

Sul tema della sterilizzazione si discute sempre più spesso, soprattutto per quel che riguarda i gatti: sui cani, invece, vi è ancora una certa resistenza alla sterilizzazione, sia degli esemplari maschi che delle femmine, per motivi più o meno simili.

Prima di tutto, si ritiene che la sterilizzazione del gatto maschio possa avere più lati positivi rispetto alla castrazione del cane: il gatto maschio, infatti, nei periodi di “calore” tende a segnare il territorio con maleodoranti spruzzi di urina il cui odore è realmente difficile da debellare.

Il cane, invece, non presenta questo genere di comportamenti ma la differenza tra un cane castrato ed uno che non ha subito un intervento di sterilizzazione è invece molto netta: il comportamento di un cane intero è tendenzialmente molto più aggressivo rispetto a quello di un cane sterilizzato, e questo incide notevolmente sia sul rapporto tra il cane ed il padrone, sia su quello che l’animale sviluppa ed instaura con i suoi simili.

È fondamentale, tuttavia, che il cane venga sterilizzato prima che “impari” determinati comportamenti e che in lui si possa sviluppare un atteggiamento di protagonismo legato alla maturità sessuale e all’istinto di competizione per la femmina.

Per quanto riguarda l’aspetto della salute, la sterilizzazione è importante sia per i maschi che per le femmine: entrambi, infatti, qualora non vengano sterilizzati possono andare incontro a problemi molto seri, come lo sviluppo di neoplasie (tumore alle mammelle, tumori prostatici o testicolari), con un’alta incidenza di morte.