Veterinari


Come valutare il polso di un animale ferito

Soccorrere un animale ferito, per chi non ha esperienza con gli animali – e magari ne è anche un po’ intimorito – non è sicuramente una cosa facile: può tuttavia capitare a chiunque, per strada, di incontrare un gatto o un cane che ha bisogno di immediato soccorso, e uno dei motivi per i quali spesso si tende a “girare la testa dall’altra parte” è soprattutto la paura di non sapere come muoversi e come curare l’animale, pensando, in molti casi, che esso sia già morto.

Una delle prime valutazioni che invece è importante fare quando si trova un animale ferito è quella di soffermarsi sul polso per percepire la presenza del battito cardiaco; ma come si fa?

È importante sapere che sia nel gatto che nel cane il polso si percepisce sull’arteria femorale: appoggiando indice, dito medio e anulare della mano destra sull’interno della coscienza (all’altezza dell’inguine) si può essere in grado di percepire la presenza del battito cardiaco semplicemente esercitando una leggera pressione sull’arteria. L’arteria viene percepita sotto forma di “cordoncino” : esercitando su di essa una serie di leggere e brevi pressioni si possono sentire le pulsazioni del cuore, percependone così il funzionamento ed avendo la certezza che l’animale è ancora vivo seppur – in qualche caso – in stato di incoscienza.

Una volta valutata la presenza del battito cardiaco, l’animale va trasportato al pronto soccorso più vicino.