Veterinari


Farmaci veterinari e Decreto Balduzzi

farmaci veterinari balduzzi mancusoL'On Gianni Mancuso ha presentato un emendamento per consentire la piena dispensazione del farmaco veterinario.
L'emendamento, proposto dall'ANMVI e già depositato nel corso di altri provvedimenti legislativi, trova ora la sua collocazione "naturale" in un provvedimento squisitamente sanitario, aperto ai suggerimenti emendativi- per ammissione stessa del Ministro della Salute Renato Balduzzi. Inoltre, l'emendamento non ha risvolti di "spending review", non comportando maggiori o nuovi oneri a carico delle finanze pubbliche.
Il testo dell'emendamento - "Il medico veterinario, nell'ambito della propria attività e qualora l'intervento professionale lo richieda, può consegnare all'allevatore o al proprietario degli animali le confezioni di medicinali veterinari della propria scorta e, nel caso di animali destinati alla produzione di alimenti, solo quelle da lui già utilizzate, allo scopo di iniziare la terapia in attesa che detto soggetto si procuri, dietro presentazione della ricetta redatta dal medico veterinario secondo le tipologie previste, altre confezioni prescritte per il proseguimento della terapia medesima; restano fermi gli obblighi di registrazione di cui all'articolo 15 del decreto legislativo 16 marzo 2006, n. 158 e successive modificazioni."
Il parlamentare - che oggi ha presentato alla stampa le sue proposte emendative - illustra l'emendamento in questi termini: "la mia proposta – spiega Mancuso – rimane coerente con la normativa relativa e consente di perfezionare una disposizione già prevista dal DL 193/2006, allo scopo di favorire il completamento della terapia del paziente animale attraverso la consegna delle confezioni di medicinale veterinario necessarie per il prosieguo e il completamento del trattamento prescritto dal medico veterinario. Lo stesso Ministero della Salute, del resto, in occasione dell'Info Day 2011, aveva manifestato un orientamento favorevole a quanto proposto nell'emendamento. Del resto – conclude l'Onorevole – slegare la gestione del farmaco dalla .professione medica significa gravare il sistema di disorganizzazione e costi, che il mio emendamento azzera, senza, oltretutto, inserire nessun altro onere economico per il sistema."
L'emendamento consente di perfezionare una disposizione già prevista dall' Art. 84 comma 3 del Decreto legislativo n. 193/2006, allo scopo di favorire il completamento della terapia del paziente animale attraverso la consegna delle confezioni di medicinale veterinario necessarie per il prosieguo e il completamento del trattamento prescritto dal medico veterinario. Ne beneficia la compliance, nel rispetto del ciclo terapeutico e delle prescrizioni del medico veterinario. Restano d'altra parte fermi gli obblighi di registrazione previsti dall'ordinamento vigente e non si pregiudicano le garanzie che la dispensazione dei medicinali veterinari prevede nei confronti degli animali produttori di alimenti destinati al consumo dell'uomo. fonte: ANMVI